Leggere

#Readwomen2014 Leggere donna, suggerimenti dalla mia libreria

#Readwomen2014 è una bella iniziativa della scrittrice e illustratrice Johanna Frost, che incoraggia a leggere più autrici donne. Partendo da una serie di segnalibri che Frost aveva realizzato per onorare le sue scrittrici preferite, è nato un dibattito su Twitter che in pochi giorni si è trasformato in un obiettivo comune: nel 2014 leggiamo solo libri di scrittrici! Così la scrittrice ha cominciato sul suo blog una raccolta di tutte le scrittrici, che dal mondo anglosassone adesso si sta allargando a autrici di tutto il mondo.

I segnalibri dedicati alle scrittrici preferite. La scintilla che ha scatenato #readwomen2014

I segnalibri dedicati alle scrittrici preferite da Joanna Walsh. La scintilla che ha scatenato #readwomen2014

Il mondo della letteratura, come molti altri, è sbilanciato. Le lettrici sono più dei lettori, ma i libri più letti, venduti e conosciuti sono in maggioranza di autori. 
Alla base c’è secondo me anche un condizionamento strano, non so esattamente a cosa sia dovuto, o meglio, penso sia dovuto a tanti fattori insieme -la letteratura non è che uno strato della cultura in cui siamo immerse,- per cui uno scrittore è uno scrittore punto e basta, per tutti, mentre una scrittrice è sempre una scrittrice “donna”.

Pensate ai regali che avete fatto agli uomini delle vostre vite: quante volte avete regalato un libro di una scrittrice ad un uomo? E adesso pensate: quante volta ad una donna?
Direte: ma quando regalo un libro lo scelgo per il contenuto, mica per l’autore. Ed è proprio qui che il condizionamento opera, secondo me, per cui un libro di Jonathan Franzen va bene per tutti, mentre Marcela Serrano sarà riservata alle amiche. Non voglio entrare qui nelle ragioni, ma proporre soluzioni pratiche per cambiare le cose.

Non mi piacciono gli estremismi, non vi chiederò di leggere unicamente libri di scrittrici, ma come dice sempre giustamente Lilly citando la ministra Von den Leyen: “Senza pressione non si ottiene niente”. Quindi diamoci un obiettivo: quest’anno l’80% dei libri e dei saggi che leggeremo saranno scritti da autrici.
Prestiamo attenzione a leggerne ma anche a regalarne di più, agli uomini come alle donne.

Analizzando la mia vita di lettrice noto che sono anch’io vittima di questo sbilanciamento, per quanto negli ultimi anni abbia cercato di colmare questa differenza, probabilmente c’è alla fine una prevalenza di autori nella mia libreria. La prevalenza è schiacciante se consideriamo i libri letti per lo studio durante la scuola e l’università.

Fra classici e contemporanei, la scelta di autrici è immensa. Non sapendo da dove partire, ho preso quasi a caso tre libri dalla mia libreria.

Doris Lessing, Sotto la pelle (Under my skin) Anche se di Doris Lessing mi sento di consigliare proprio tutto, anche i libri che non ho ancora letto.
Sotto la pelle è la biografia della vita africana di Lessing, dalla storia della sua famiglia, alla vita in Rhodesia (oggi Zimbabwe) alla partenza per l’Inghilterra verso i trent’anni.
Mi sono sempre interessata alle biografie di donne per cercare dei punti di riferimento e l’ho trovato in donne come Lessing e de Beauvoir.
Il talento di Doris Lessing è l’onestà. Ad esempio quando racconta le sue difficoltà ad essere felice, la vita dei coloni,  il suo rapporto con gli uomini e con il grande fantasma della sua vita (della vita di tutte?): il senso di colpa.

“Se mia madre avesse avuto una figlia come lei, […] sarebbe andato tutto bene. Ma per sua sfortuna ebbe una figlia eccessivamente sensibile, sempre attenta a giudicare, sempre in guerra, emotiva, e affamata d’amore. E con parecchi strati di pelle in meno”.

Sylvia Plath. La campana di vetro (The Bell Jar)
Ancora una volta mi sono stupita della capacità dell’autrice di raccontarci la sua vita interiore ed allo stesso tempo dipingere in maniera così precisa e divertente l’America degli anni 50, ma soprattutto l’amore, il sesso, la costruzione di una donna (e di una femminista che non sapeva di essere tale) e perfino il tentativo di suicidio. Con quella tensione fra l’estremo ridicolo e l’estrema serietà che si ha quando si cresce.

Sheryl Sandberg, Facciamoci avanti (Lean in)
Sandberg ha saputo -con parole semplicissime- mettere in ordine quello che sul posto di lavoro e in famiglia molte donne vivono ogni giorno.
Così si scopre che due curricula esattamente uguali vengono valutati diversamente a seconda del nome, maschile o femminile, scritto nell’intestazione. Che una donna di successo viene considerata più antipatica, dagli uomini come dalle donne. Il bello di questo libro è che tutte le affermazioni sono sostenute da dati statistici e da ricerche documentate, non sono affermazioni basate sul “sentimento” o sull’esperienza personale. La bibliografia è lunga quasi come quella di una tesi.
Ma soprattutto, l’intero libro è dedicato a presentare modelli alternativi e consigli pratici per agire nella situazione attuale. Insomma, non piangerti addosso: fatti avanti. 

Naturalmente mi piacerebbe leggere i vostri suggerimenti nei commenti: che libro mi consigliate di leggere? Vi piacerebbe leggere altri consigli di lettura nei prossimi mesi? Io non vedo l’ora di poterne scrivere altri… 

Eh, però adesso ho voglia di rilassarmi…  Un solo nome: Agatha Christie. L’intera collezione.

Annunci

5 thoughts on “#Readwomen2014 Leggere donna, suggerimenti dalla mia libreria

  1. Ti consiglio di leggere “Uccellino del paradiso” di Joyce Carol Oates.
    Per quanto riguarda Agatha Christie, quando si parla di lei tutti pensano a Poirot, molti pensano anche a miss Marple, ma soltanto i suoi lettori più fedeli conoscono anche il suo personaggio più sottovalutato, Parker Pyne. Agatha Christie non gli ha mai dedicato un romanzo, ma é il protagonista di alcuni dei suoi racconti più belli.
    Visto che condividiamo il piacere della lettura, spero che questo mio post ti dia degli ulteriori spunti per le tue letture future: http://wwayne.wordpress.com/2013/04/27/la-fine-di-un-era/. Ho scritto altri 2 post a tematica letteraria, ma questo é quello che mi é venuto meglio. : )

    Mi piace

    • Ciao, Grazie mille! Pur essendo una grande amante di Agatha Christie non conoscevo questo personaggio. Rimedierò prima possibile: mi piace l’idea di un detective che aiuta a ritrovare la felicità. Come magari si nota dalle letture che ho scelto la mia è una ricerca continua…

      Mi piace

      • Lo é per tutti. I racconti di Parker Pyne li trovi raccolti quasi tutti nel libro “Parker Pyne indaga.” Grazie a te per la risposta e per il follow (ricambiato)! : )

        Mi piace

  2. Ci sarebbero tante donne scrittrici che ti consiglierei. Partendo da Christa Wolf e Ingeborg Bachmann. Passando per Wyslaya Szymborska (che ha vinto anche un Nobel). La splendida raccolta di racconti Sommerhaus:Später di Judith Hermann. Ma anche Blumenberg di Sibylle Lewitscharoff (anche se ha avuto delle uscite davvero discutibili su temi di etica e bioetica giusto qualche giorno fa). Zadie Smith e il suo White Teeth. Va beh, per ora mi fermo qui.

    Mi piace

  3. Consiglio di riprendere anche quelle scrittrici meno note e sottovalutate, una per esempio: Anna Maria Ortese di lei tutti i suoi libri sono un capolavoro. Poco successo e poche vendite, Piero Citati la definirà ” La zingara sognante” Con Beppe Costa inizierà una corrispondenza ed in seguito Costa la esorterà ad accettare un contratto con Adelphi. Una storia interessante quella della Ortese, a mio parere, un esempio di come essere donna spesso ci condizioni ineluttabilmente, talvolta anche senza bene rendercene conto, -siamo mosche nella tela del ragno e spesso li sostiamo inconsapevolmente-. Tiziana Tius

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...