Esperienze

Salviamo le api…e anche le ostetriche

La Germania è stato uno dei primi paesi in Europa ad introdurre la regolamentazione di alcuni pesticidi, nell’intento di salvare le api.

Le api sono in pericolo ormai da anni ed è ormai comprovato che la loro  progressiva scomparsa è legata alle grandi quantità di pesticidi usati nelle monocolture.

Ci sono elementi che, io credo, sentiamo legati alla nostra sopravvivenza in modo viscerale. Un mondo senza api è un mondo impoverito oltre alle gravi problematiche che la loro sparizione comporterebbe, prima fra tutte l’impollinazione. Ci sono cose che sembrano assurde, senza che vengano offerte tante spiegazioni. Abbiamo bisogno delle api come abbiamo bisogno disperatamente delle ostetriche, donne competenti che aiutano altre donne a far nascere un bambino.

In Germania è nato un grosso movimento in loro favore, dopo che la libera professione ostetrica sta rischiando di scomparire a causa di istanze assicurative che la renderebbero troppo costosa, se non addirittura vietata. La libera professione ostetrica, in realtà, non dovrebbe mai essere troppo dispendiosa, poiché in questo modo si impedisce l’accesso a questo servizio a una parte della popolazione che desidera un parto naturale, totalmente demedicalizzato. Molte amiche hanno fatto questa scelta e hanno avuto esperienze fantastiche.

Credo che al di là delle crescenti difficoltà burocratico-assicurative che sta riscontrando questa professione in Germania,  ci sia molto di più: la lotta tra chi vuole il parto in ospedale a tutti i costi,  trattandolo alla stessa stregua di una patologia e chi vede nella nascita di un essere umano un momento che non ha niente a che fare con la patologia. Con questo non voglio assolutamente dire che la medicina non salvi la vita di mamma e bambino,  ma questo capita in una piccola percentuale di casi.

Insomma, la lotta tra chi vede il parto come un rischio e chi lo vede come UNO dei tanti eventi della vita. Inoltre, ci sono interessi economici colossali intorno alla sanità e l’avere sempre il denaro di fronte a ogni scelta  impedisce di fatto una scelta libera.

Chiunque conosca un’ostetrica di oggi sa che non lo fa per diventare ricca. Nessuna di loro lo diventa. Di solito è una professione che si sceglie veramente per amore,  molto dura, carica di soddisfazioni ma anche di enormi responsabilità.

A me buone ostetriche hanno veramente salvato tante situazioni. Ho allattato grazie a loro: senza non ce l’avrei mai fatta con il mio primo bambino. Ho partorito il mio primo figlio in maniera naturale grazie a una di loro, che testardamente ha scelto di non vedere la patologia ma di vedere una difficoltà naturale che poi si è risolta. Questo ha fatto sì che potessi poi continuare con più facilità su questa strada negli altri miei tre parti. Ho avuto un ginecologo straordinario, ma che ha sempre amato le ostetriche,  così tanto che ne ha sposata una,  la mia mitica Nadia.

Allora vogliamo salvare anche la libera professione ostetrica? Vogliamo salvare uno dei momenti più belli in cui una donna sta vicino ad un’altra donna con disponibilità,  apertura,  accoglimento,  pazienza,  senza giudicare?

Hebammensprojekt

La foto è della campagna in loro favore in Germania, “Das erste Gesicht auf Erden” . Non la trovate bellissima?
Mi farebbe molto felice se voleste condividere con noi la vostra esperienza nei commenti,  anche negativa,  se lo è stata . E ad ogni modo: salviamo le api e le ostetriche,  vale la pena! Che ne dite?

 

Annunci

2 thoughts on “Salviamo le api…e anche le ostetriche

  1. Avendo scelto non anodicamente, né tanto meno aleatoriamente, né causa forza maggiore, di non essere una mamma, distinguo con lucidità il problema delle api dalla mancanza delle ostetriche : lo so , forse qui si voleva solo ironizzare 🙂
    Ma tanto per dare la dimensione giusta al dibattito si puo’ dire senza alcun dubbio, che se anche ci organizziamo a promuovere e a salvaguardare un maggior numero di ostetriche che ci aiutino a far nascere bene molti piu’ bambini, ecco QUESTI avranno sempre meno frutti da mangiare….perchè l’impollinazione delle api è fondamentale nella produzione dei frutti…
    O mangeranno solo cereali, perchè a questi basta il vento…Ovvero addio alla maggior parte delle vitamine reperibili nella freschezza dei frutti.
    Fare chiarezza sui nicotinoidi e le recenti scoperte che mettono i loro produttori e gli agricoltori senza scrupolo, ma solo sete di guadagno e PAC, richiede una riflessione profonda.
    Molto piu’ profonda di quella di scegliere una nascita alla quale poi non si è in grado di garantire una vita decente.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...