avvento delle donne visibili

L’Avvento delle Donne Visibili – Pina Bausch

Pina Bausch

Nasce a Solingen nel 1940.

È stata una delle più importanti coreografe del secondo dopoguerra. Inizia la sua carriera a Solingen per poi trasferirsi a New York, dopo aver ottenuto una borsa di studio presso la famosa  Juillard School di New York. Viene successivamente scritturata al Metropolitan. Nel 1960 rientra in Germania.Nel 1972 fonda il Tanzteather Wuppertal Pina Bausch. Pina Bausch muore inaspettatamente il 30 giugno 2009 di cancro. Oltre ad essere stata ballerina e coreografa ha recitato anche nel film “E la nave va” di Federico Fellini e in “Parla con lei” di Pedro Almodovar.

Leonetta Bentivoglio su Pina Bausch: “Parlava pochissimo ma aveva uno sguardo eloquente, un modo di comunicare non verbale fortissimo. Non era una intellettuale: fare una intervista con lei era una fatica immane. Era tutta emozioni. Certo ha avuto una vita complicata, ha perso improvvisamente l’amore della sua vita ma credo che a determinare il suo mutamento sia stata la sua volontà di darsi alla creazione con un accanimento al limite dell’autodistruzione. Faceva questi spettacoli mostruosamente complessi facendosi divorare dalla ricerca. Si è fatta scarnificare. Nel momento in cui ha iniziato la sua ricerca poetica era una persona che lavorava fino alle quattro di notte, fumava sei pacchetti di sigarette al giorno, non mangiava. Era una specie di strana suora della creazione…. Le piaceva cercare l’umanità. Se ne fregava del proprio benessere. Non aveva vanità. Ma la vera priorità era questa mistica del lavoro. Una ricerca spasmodica. Credo fosse l’unica coreografa che sia stata presente a tutti i suoi spettacoli. Non ha mai mancato uno spettacolo, guardava e il giorno dopo faceva le correzioni. Era in continua ricerca della perfezione.”

Pina Bausch: “Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che cosa fare. A questo punto comincia la danza, e per motivi del tutto diversi dalla vanità. Non per dimostrare che i danzatori sanno fare qualcosa che uno spettatore non sa fare. Si deve trovare un linguaggio – con parole, con immagini, atmosfere – che faccia intuire qualcosa che esiste in noi da sempre.”

Annunci

One thought on “L’Avvento delle Donne Visibili – Pina Bausch

  1. Le parole di Pina Bausch sono emozione pura, per me.” Si deve trovare un linguaggio – con parole, con immagini, atmosfere – che faccia intuire qualcosa che esiste in noi da sempre”. Esattamente quello che anch’io sento, non poteva dirlo meglio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...