Festa delle altre mamme
Esperienze/Leggere

Festa delle altre mamme

Forse non hai una mamma. Forse non ce l’hai più. Forse hai una cattiva madre. Forse non sei una mamma, anche se lo desideri tantissimo. Forse non vuoi esserlo proprio. Forse sei una mamma e te ne sei pentita. Ma probabilmente sei l’”altra mamma” di qualcuna di noi, e probabilmente c’è almeno una donna che … Continua a leggere

Pubblicità

Donne in vista/Leggere

“Le stanze dell’addio” di Yari Selvetella, un commiato dalla grande letterata Giovanna De Angelis

Una piccola premessa: nel 1631 una donna morì di parto, in India. Il suo nome era Arjumand Banu Begum e la storia ce la tramanda come una donna estremamente intelligente e di rara bellezza, piena di tenerezza verso i disagiati. Ma non sapremo niente di lei, oggi, se il suo inconsolabile sposo non avesse intrapreso … Continua a leggere

Catherine e la controrivoluzione borghese
Donne in vista/Leggere/Notizie

Catherine e la controrivoluzione borghese

Qualcosa manca ai molti interessanti commenti letti in questi giorni a proposito della gravissima presa di posizione della cordata francese capitanata dalla Deneuve: l’evidenziazione del fatto che queste donne firmatarie sono in buona parte rappresentanti di un mondo grande o piccolo borghese, e che ritraggono una società protetta, innamorata di sé stessa, di profilo medio … Continua a leggere

La generazione perduta dei pornoragazzini

Leggere/Notizie

La generazione perduta dei pornoragazzini


 di Monica Mazzitelli Tutto quello che non sappiamo sulla pornografia in rete raccontato in un saggio fondamentale appena pubblicato in Svezia È uscito in Svezia un libro dal titolo “Droga visiva – su pornografia in rete, bambini e ragazzi” [“Visuell drog – Om barn, unga och nätporr”, Kalla Kulor Förlag, 2017] che sarebbe veramente utilissimo … Continua a leggere

#Svegliatitalia – Le unioni civili sono un diritto di tutti
Leggere/Notizie

#Svegliatitalia – Le unioni civili sono un diritto di tutti

Il dibattito sulle Unioni Civili in Italia è, visto da qui, visto da Lipsia e dalla Germania, un dibattito che non dovrebbe nemmeno esistere. Il diritto di vedere riconosciuta la propria unione con una persona dello stesso sesso dovrebbe essere implicito e naturale e invece scandalizza ancora buona parte dell’Italia. E questo è vergognoso. È vergognoso che ancora … Continua a leggere