Chi siamo

Monica

Monica Mazzitelli
(Roma, 1964) scrittrice, regista, articolista.

Come scrittrice ha pubblicato il romanzo storico Di morire libera (Progetto Santiago) e curato l’antologia Tutti giù all’inferno (Giulio Perrone Editore). È nella redazione di La poesia e lo spirito, e ha tenuto un blog d’autore − Tu, quore! − per l’Unità. Ha pubblicato racconti in vari volumi e ha collaborato con varie testate (racconti, articoli, recensioni di cultura).
Come regista ha alle spalle un pluripremiato documentario girato in Africa, Dignity, che insieme a altri due cortometraggi, Midsommar e The Coltrane Code, è stato selezionato per oltre un centinaio di festival internazionali. Ha girato anche molti fortunati video musicali e un corto sul copyright, The Disney Trap, che è stato visto in rete da quasi due milioni di spettatori.
Occasionalmente ha anche fatto produzione e promozione musicale, scritto canzoni, sceneggiature per film e teatro, recitato, fotografato, organizzato festival, condotto trasmissioni radio, tradotto dallo svedese e dall’inglese. Nel 2002 ha fondato il gruppo de iQuindici, costola della Wu Ming Foundation, che ha diretto fino al 2009.
Il suo sito è www.monicamazzitelli.net e questa è la sua pagina fb

Lilly Bozzo-Costa

Lilly

Lilly Bozzo-Costa 
(Milano 1964) architetta, curatrice, blogger

Co-fondatrice nel 2014 del Blog Le donne visibili.

Consegue la laurea in architettura a Genova. Nel 1992 si trasferisce in Germania. Monaco, Berlino e infine Lipsia.

A Lipsia fonda nel 2000 il gruppo di architetti L21 che per 5 anni si occupa della trasformazione urbana delle città nell’era del post-comunismo. Viene invitata alle mostre internazionali Shrinking cities e Urban Regeneration.

Nel 2006 trascorre un anno a Cambridge, Massachussetts. È Visiting Critic alla Rhode Island School of Design(RISDI) di Rhode Island e alla Graduate School of Design(GSD) di Cambridge.

Dal 2102 si occupa di Design. È stata curatrice della mostra itinerante sul design per gli anziani Ü 60 Design for Tomorrow. Dal 2015 è curatrice presso il centro d’arte Kunstkraftwerk di Lipsia della Mostra Mercato Echt Alt/Original Old che riguarda l’ upcycling design, mostra che ha luogo in ottobre nell’ambito del Design Festival di Lipsia.

Il suo sito è: www.bozzo-costa.de.

IMG_4562-small

Gaia

Gaia Manco

Nata a novembre 1982 in Brianza, dal 2005 permanentemente all’estero. www.gaiamanco.net (da aggiornare, perdonatemi!)

Amo l’Europa, e dopo tre anni in Sudafrica ho deciso (maggio 2017) di trasferirmi a Bruxelles, dove lavoro come redattrice responsabile per le news del Parlamento europeo in italiano. Al Parlamento europeo mi occupo, oltre che news e social media, di progetti digitali e mi sento a casa perché posso unire lingue, tecnologie e politica.

Dal 2010 al 2017 ho lavorato per radio, tv e online producendo servizi multimedia su temi di società, salute-scienza-medicina, culture, attualità internazionale e cronaca nera in inglese e italiano in Gran Bretagna, Germania, Cina, Sudafrica e altri paesi africani. Mi sono occupata sia a Lipsia (2011-2014) che in Sudafrica (2014-2017) di comunicazione della ricerca scientifica, perché sembra che sappia spiegare in modo comprensibile le cose difficili.
Negli anni precedenti ho lavorato in organizzazioni internazionali e ONG, sempre anche insegnando e creando progetti digitali.
Forse ci siamo incontrate in un mercato a Libreville o in una strada di Pechino, dove sono stata fra le altre cose Media Ambassador per la Fondazione Robert Bosch nel 2014.
Il mio curriculum completo lo trovate qui: https://www.linkedin.com/in/gaiamanco/

Ho conosciuto Lilly quando mi sono proposta come insegnante di lingua italiana per sua figlia e come si dice, il resto è storia, perché quell’incontro mi ha cambiato la vita, facendomi incontrare altre donne delle comunità di Lipsia e dall’incontro con Anna e Fabrizia sono nate le Donne Visibili.

Nel tempo libero, quando non scrivo: viaggio, faccio giardinaggio e torte, creo podcast mal aggiornati a ripetizione e cerco di commettere più errori possibile:
www.accidentallyinjoburg.com (Podcast pieno di viaggi e avventure, preparate le valigie!)
2015-2017 Yebo! Programma sull’Africa del sud per Radio Bullets https://www.spreaker.com/show/yebo-lafrica-e-in-onda
Instagram: http://instagram.com/gaiamanco/
Twitter: https://twitter.com/gaiamanco

Ecco la mia ricetta: Mescolare due tazze di Lucy Van Pelt con una confezione di Simone de Beauvoir, una di Doris Lessing e una di Simone Veil. Amalgamare con tre cucchiai di Julia Child, due di Agatha Christie ed una manciata abbondante di Sylvia Plath. Servire accompagnato da un bicchiere di Christopher Hitchens.

 

Anna Costalonga

Anna

Anna Costalonga

Sono nata nel 1972 in Italia,  in provincia di Pordenone. Ho coltivato da sempre la passione per la letteratura, la musica classica e contemporanea e la scrittura.

Nel 2008 ho preso un biglietto di sola andata per Lipsia, in Germania: qui vivo e qui lavoro e qui cerco di approfondire la vivace realtà culturale sassone e tedesca in generale.

Ho collaborato con blog letterari e musicali, alcuni miei testi si trovano su La Poesia e lo Spirito e Nazione Indiana. Ho tradotto per Italosvevo Edizioni le ultime lettere di Robert Schumann, raccolte nel libro Lettere da Endenich, con la prefazione di Filippo Tuena.

Mi piace la poesia e la musica quando sono coraggiose e allo stesso modo amo le persone coraggiose, soprattutto le donne coraggiose che hanno fatto scelte controcorrente. Come quello di partire da sole per un paese straniero oppure rimanere da sole. Amo scrivere, ma non di tutto e per qualunque cosa, solo di ciò che reputo necessario: credo che sia necessario raccontare queste donne controcorrente, perchè ne voglio far parte.

 

 

Fabrizia Bergamini

Fabrizia

Fabrizia Bergamini Curti

Ho 47 anni, 4 figli, 1 marito, ho traslocato 6 volte in 18 anni, ho 1000 e piu’ passioni; sono co-fondatrice delle Donne Visibili insieme a Anna, Gaia, Lilly.

Alcune volte i numeri ci dicono gia’ molto.

Sono laureata in Lettere, specializzata in Pedagogia Sperimentale, dando gli esami per poter insegnare italiano, storia e filosofia.

In questi anni in cui mi sono occupata della mia famiglia ho sempre studiato, a Luton per un altro corso universitario, le lingue, francese e inglese, ora tedesco. Ho sempre scritto, due anni in cronaca per un quotidiano appena superata la maturita’ classica e poi ovunque fosse possibile, compatibilmente con gli spostamenti frequenti e i ragazzini da crescere.

Vivere all’estero (in Belgio, Danimarca e ora in Germania) e’ stata una sfida e una scuola di vita incredibile. “You get out what you put in” e’ la massima che forse meglio mi rappresenta e poi cercare di fare e di conoscere al meglio possibile, con una grandissima passione per tutto quello che mi circonda.

Annunci

11 thoughts on “Chi siamo

  1. Come augurio per il nuovo Blog faccio mie le parole di Leymah Gbowee:
    “It’s time for women to stop being politely angry”
    Leymah Gbowee (Monrovia, 1º febbraio 1972) è una pacifista liberiana, organizzatrice di un movimento pacifista che condusse alla fine della guerra civile in Liberia nel 2003. Nel 2011, assieme a Ellen Johnson Sirleaf e Tawakkul Karman, è stata insignita del Premio Nobel per la pace.

    Liked by 2 people

  2. Complimenti per l’idea di questo blog, mi piace molto !!
    Una brevissimo spunto: Io sono ingegnere meccanico e mi occupo spesso di cose tecniche. Dopo più di 15 anni di lavoro ancora molte persone quando devono discutere di questioni tecniche chiedono di parlare con “il tecnico”, dando per scontato che se stanno parlando con una donna lei di sicuro li potrà comprendere.

    … Non ci avevo mai pensato ma devo dire che mi piacerebbe fare la principessa di professione!!!

    Liked by 2 people

    • Questa sera abbiamo parlato anche di linguaggio. Lilly raccontava di come in Italia le sue compagne di università la prendessero in giro perché si faceva chiamare “architetta” invece di usare il maschile.
      Però, se continuiamo a chiamare certe professioni con nomi maschili l’interlocutore cercherà sempre “l’uomo”: l’architetto, l’ingegnere, il tecnico, persino il presidente e il ministro!
      Perché non cominciare a introdurre “ingegnera meccanica”?

      Mi piace

  3. Qui in Spagna si fa già da qualche anno, anche in ambito pubblico. E la cosa avrebbe senso se però poi i politici, per la par condicio e per evitare di essere additati come sessisti, non diventassero asfissianti con i loro discorsi sempre più pieni di “españoles y españolas, señoras y señores, jueces y juezas, ministros y ministras, todos y todas, ecc.” Va bene la parità, ma a volte anche un pizzico di buon senso non guasterebbe. Credo che oltre al linguaggio bisogna guardare ai fatti. Che senso ha duplicare la durata di un discorso istituzionale e renderlo stucchevole, se poi, per fare un esempio, una donna libero professionista non può decidere di avere dei figli senza compromettere la propria carriera, perché lo stato non la sostiene nella conciliazione del proprio lavoro con la maternità o se quando nasce un figlio non si contempla la possibiltà per l’uomo di ridurre il proprio orario di lavoro e non sempre e solo per la donna??

    Mi piace

  4. Vi invidio per il vostro coraggio .ammiro la vostra voglia di vivere e il vostro impegno , vorrei essere una di voi invece sono solo un semplice uomo in continua ricerca.so a malapena l’italiano , comunque sono felice che esistete.Dario

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...