8 marzo 2022
Notizie

8 marzo 2022

Il primo pensiero che abbiamo avuto, qui alle Donne Visibili, è stato quello di dedicare questo 8 marzo alle donne ucraine, la cui vita è stata fatta a pezzi dall’invasione russa. A quelle che cercano di lasciare il paese. A quelle che vivono da lontano il terrore per i propri cari rimasti. A quelle che … Continua a leggere

Rada Akbar
avvento delle donne visibili

Rada Akbar

Rada Akbar è una fotografa e artista afgana. Dal 2018 al 2020 ha organizzato in Afghanistan un progetto artistico chiamato “Abarzanan”(Superwoman, Superdonna), dove abiti scultura celebrano le donne che hanno contribuito alla storia e alla cultura dell’Afghanistan, che hanno aperto la strada alle altre e che per questo sono state perseguitate o cancellate dalla storia … Continua a leggere

Donne in vista

9 Domande ad Alba D’Urbano. 2° Parte

4. La mostra “Die Bessere Hälfte“ (traduzione letterale: La metà migliore) è stata la prima mostra tenuta a Lipsia e impostata esclusivamente sulle figure femminili che hanno studiato all’Accademia di Lipsia. Ritieni che sia stata una mostra necessaria e importante? Ha avuto delle conseguenze sul pubblico il riscoprire tante artiste importanti e fino ad allora poco conosciute? C’è … Continua a leggere

L’avvento delle Donne Visibili: 24 donne da conoscere quest’anno
avvento delle donne visibili

L’avvento delle Donne Visibili: 24 donne da conoscere quest’anno

Ecco qui, raccolte in una pagina, le donne che vi abbiamo voluto presentare quest’anno. Affinché più donne nella sfera pubblica non siano un’eccezione o una quota, dobbiamo parlare delle donne che influenzano per il meglio il nostro mondo. Noi lo facciamo ogni anno, dal 2014, col nostro Avvento delle Donne Visibili. Raccogliamo già i nomi … Continua a leggere

Il mondo cambierà quando
Esperienze/Il mondo cambierà quando/Leggere/Riflessioni

Il mondo cambierà quando

Un aneddoto: nel 2014, l’Islanda annuncia  un congresso all’ONU sull’uguaglianza di genere e la violenza sulle donne. Bene, ma non benissimo, perché non c’è nemmeno una donna nella lista dei partecipanti. Solo in seguito alle proteste, il primo ministro islandese include delle donne nel pannello. Potrei citare innumerevoli altri esempi, meno istituzionali e più quotidiani, … Continua a leggere